Jazz, Rap e quartetto d’archi per ribellarsi all’America di Trump

Che Ambrose Akinmusire fosse un talento del Jazz lo si sapeva da tempo, probabilmente fin dai suoi esordi e dal suo percorso formativo prima alla Berkeley High School e poi alla Manhattan School of Music. Eppure di giovani di talento, per fortuna, ce ne sono molti, così come molti hanno collaborazioni con i grandi del Jazz. Quello che caratterizza Akinmusire è però, oltre ad una tecnica sopraffina è un talento compositivo formidabile ed una capacità di innovare rara nei jazzisti, tecnicamente ineccepibili, delle ultime generazioni.

Questo talento emerge in modo stupefacente nell’ultimo album del trombettista americano, “origami harvest” , uscito come i due precedenti per Blue Note. In questo disco Akimnusire ci sorprende ancora una volta mischiando musica da camera europea, la sua tromba jazz e il rap. Il groove dei sobborghi americani con l’eleganza delle sale da concerto europea, viste non in contrapposizione tra di loro ma come un riflesso, una ribellione all’America attuale, al razzismo dell’alt-right.

Un disco dichiaratamente politico, nei titoli, nei testi ma anche nel non concedere nulla al mercato, al pubblico educato e sonnolente del jazz abituale. Akinmusire apre quindi con “a blooming bloodfruit in a hoodie” pezzo dedicato all’omicidio avvenuto in Florida nel 2012 del diciassettenne di colore Trayvon Martin ad opera di un vigilante di una ronda di quartiere. Si tratta di 13 minuti potenti, in cui il rap duetta con gli archi e la tromba potente, dolorosa, di Akinmusire, in cui non si avverte (come del resto in tutti i brani del disco) alcun calo di tensione.

Un disco capace di segnare un’epoca e di consacrare un talento di cui siamo certi godremo a lungo.

Articolo uscito su Cultura Commestibile n.300 del 16 marzo 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.