il Reporter

Questo è il testo dell’intervista sull’aeroporto di Peretola che ha pubblicato il Reporter e che è arrivata in tutte le case dei fiorentini. L’intervista è di Paolo Ceccarelli che ringrazio per le domande e la correttezza con cui ha riportato le risposte.

Il problema non è la pista parallela o quella obliqua. Il problema, secondo il consigliere comunale del Pd Michele Morrocchi, “è cosa vogliamo far diventare l’Amerigo Vespucci: uno scalo da 8 milioni di passeggeri l’anno o un city-airport?”. Morrocchi non ha dubbi in merito: Firenze non può permettersi un mega-aeroporto.

Allora Peretola deve restare così com’è? “No. L’attuale aerostazione va rimessa a posto per farla diventare un vero cityairport. Si può discutere anche di un ri-orientamento della pista, ma con due paletti: non più lunga di 2 chilometri e pensata anche in funzione di attenuare i disagi che oggi vivono i cittadini di Quaracchi, Brozzi e Peretola”.

Ma lei è favorevole o contrario all’aumento dei voli? “Si può anche incrementare il numero ma, ripeto, certo non farlo diventare un aeroporto intercontinentale. Peretola può reggere al massimo 3 o 4 milioni di passeggeri l’anno, cioè il doppio di quelli attuali”.

La questione aeroporto sembra un po’ lo specchio su cui tanti vedono riflesso il futuro di Firenze. Con queste posizioni, non teme di passare per un “nemico” dello sviluppo della città, un conservatore? “Mah, ci sono diversi amici di diversi futuri della città… C’è chi vorrebbe che fossimo invasi da 8 milioni di turisti, ma basta andare in centro in questo periodo per rendersi conto che non lo potremmo sopportare. E poi non ci sto a misurare il grado di riformismo con il goniometro”.

Adf sostiene che con la pista parallela diminuirebbero i disagi per gli abitanti delle zone circostanti. Questo non è unbuon motivo per dire sì? “Non sono un ingegnere, quindi non entro nel merito. Credo però che Adf farebbe bene a presentare uno studio di fattibilità, perché altrimenti i discorsi restano tutti un po’ a mezz’aria. E, prima ancora di questo studio, Adf dovrebbe togliere dal tavolo delle ipotesi la proposta di una pista lunga 3,3 chilometri, pensata per voli intercontinentali. E’ un’idea che genera solo confusione”.

A Castello potrebbe nascere il nuovo stadio della Fiorentina. Secondo lei, l’impianto, l’aeroporto e gli altri progetti sull’area si possono integrare o bisogna scegliere?Bisogna vedere che tipo d’impianto sarà. Comunque bisognerà valutare bene e mi pare evidente che tutto tutto, in quella zona, non ci potrà stare”.

P.S. Oggi sul corriere fiorentino c’è una lettera firmata che mi accusa di non capire nulla sull’aeroporto (a differenza di Marco Mayer) perchè non parlo del Sukhoi 100 e delle magnifche potenzialità di questo velivolo. Il lettore però casca male, gli aerei sono sempre stati una mia passione. Il Sukhoi sarà un magnifico vettore ne sono certo e sono felice che finmeccanica sia entrata in quel progetto. Ma è un vettore nuovo ancora in fase di preproduzione, e soprattutto non sarà certo la politica fiorentina a decidere gli acquisti dei parchi aeromobili delle compagnie aeree. La tecninca è una gran cosa e potremmo tutti sperare che i convertiplani risolvano i problemi di Peretola. Però noi dovremmo trovare una soluzione ora e per il breve futuro in cui si continuerà a volare con gli attuali aerei sostituendoli con le nuove macchine progressivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *